Infrastrutture Mantova-Cremona: approvate le nostre richieste

Infrastrutture Mantova-Cremona: approvate le nostre richieste

Il Consiglio Regionale della Lombardia, durante la discussione del bilancio di previsione 2019-2021, ha approvato l’ordine del giorno che ho presentato insieme al collega PD di Cremona Matteo Piloni sulle priorità infrastrutturali dei territori di Mantova e Cremona.

Un importante successo per il nostro Gruppo e per i nostri territori che ha avuto anche un appoggio bipartisan, con le firme dei consiglieri del M5S Marco Degli Angeli e Andrea Fiasconaro e della Lega, Alessandra Cappellari.

Obiettivi dell’Odg erano: rispondere alle necessità infrastrutturali avanzate dai territori di Mantova e Cremona indicando risorse e crono-programma; proseguire un tavolo con gli enti territoriali coinvolti per stilare un patto per il Sud Lombardia e condividere una ridistribuzione dei fondi per le infrastrutture; proseguire il discorso con il Governo nazionale, affinché proseguano i finanziamenti per il raddoppio della linea ferroviaria Milano-Cremona-Mantova e per la riqualificazione delle strade provinciali che, a partire da febbraio 2019, saranno di competenza di Anas, come ad esempio la SP 10; proseguire le trattative con le regioni limitrofe, il Governo e la Commissione Europea per reperire le risorse necessarie per rendere navigabile il Po per il trasporto merci da Mantova a Cremona per raggiungere l’Adriatico.

Sono particolarmente soddisfatta dell’appoggio ricevuto da tutti i consiglieri del territorio alle proposte del PD. Il nostro ordine del giorno è stato approvato con alcune modifiche. Positivo che la giunta abbia colto la necessità di dare una risposta strategica a questi territori, che sono quelli maggiormente penalizzati nella nostra regione sotto il profilo dei collegamenti.

Peccato che la maggioranza non abbia colto la necessità di individuare, già in questo bilancio preventivo, le risorse necessarie per mettere a cantiere i progetti prioritari già segnalati dai territori. Ora ci auguriamo che nel prossimo incontro calendarizzato per il 22 gennaio si entri nel merito degli impegni con tempistiche e risorse certe.

Share: